Ogm, nucleare, Tav: Clini asso piglia tutto

E’ partito male, malissimo il neo ministro dell’ambiente Corrado Clini. Cinquanta minuti esatti dopo la presentazione del programma in Senato – ore prima del voto di fiducia – l’ex direttore generale di Stefania Prestigiacomo ha apertamente annunciato il suo amore per l’energia nucleare: «Il ritorno al nucleare è un’opzione sulla quale bisognerebbe riflettere molto, – ha detto Clini – anche se quello che è avvenuto in Giappone ha scoraggiato. Però di base la tecnologia nucleare rimane ancora, a livello globale, una delle tecnologie chiave. Quindi sì a certe condizioni».

Continua a leggere

Passera: Il mio incubo per l’Italia

Grazie ad un caro amico, ho appena scoperto un’intervista rilasciata da Corrado Passera a Maurizio Belpietro, su Panorama del 22 gennaio 2008. Il titolo era: «Corrado Passera: il mio sogno per l’Italia».
Nel gennaio del 2008 era ancora in carica Romano Prodi. L’emergenza rifiuti stava devastando Napoli e la politica italiana. Tema del giorno era la costruzione degli inceneritori, che l’industria e le banche – principali finanziatrici delle grandi opere – hanno sempre chiesto. Ecco alcuni brani di quell’intervista, che, riletta oggi, spaventa.
Continua a leggere

Il veleno nei pozzi

Maurizio Gasparri, arrivando oggi al Quirinale per le consultazionidi rito, deve aver avuto un momento di smarrimento. Davanti alla sua “folla”, più o meno spontanea, si è lasciato prendere dalla foga: “Meglio il popolo delle logge”. Alla sua destra aveva i militanti del Pdl, alla sua sinistra il capo gruppo alla Camera Fabrizio Cicchitto, ovvero l’intestatario della tessera numero 2022 della loggia P2. Ovvero il frequentatore dello stesso club esclusivo che aveva accolto in quegli anni Silvio Berlusconi.

Continua a leggere

Post B., norme linguistiche per i giornalisti

1. Arcore è un paesino della Brianza di 17.750 abitanti. E’ conosciuta per aver dato i natali a Gabriele Colombo, partigiano fucilato il 3 gennaio 1945 a Valaperta.

2. La velina è una copia usata in dattilografia. Termine ormai desueto. Negli anni passati era sinonimo di una notizia pilotata, inviata normalmente dalle questure.

3. “Scendere in campo” è un’espressione utilizzata dai contadini, quando la mattina iniziano la giornata lavorativa.

4. Il fango si forma durante le alluvioni e i temporali. Prima di entrare in redazione è bene pulirsi i piedi.

5. La parola porcellum in latino non esiste. Ripassare con cura i libri del ginnasio. Meglio usare la parola italiana porcata, rende l’idea.

6. I diari di Mussolini spacciati da un tale Dell’Utri sono un falso. Le sentenze dei giudici di Palermo sono terribilmente vere.

7. Mangano non faceva lo stalliere, ma il mafioso.

8. Licio Gelli non è un poeta, ma il capo di una associazione segreta dichiarata incostituzionale dal Parlamento italiano.

9. il 12 novembre è festa della Repubblica, con pari dignità del 25 aprile.

10. Bettino Craxi era un noto pregiudicato.

12 novembre 1994

La prima grande manifestazione contro Silvio Berlusconi ha una data che oggi diventa storica, quella della sua fine. Il 12 novembre 1994 un milione e mezzo di persone manifestarono a Roma contro il primo governo del Caimano, che poco dopo sarebbe caduto. Tutto era iniziato il 26 gennaio, quando Berlusconi inviò alla Rai, all’Ansa e alla Reuters la videocassetta con l’annuncio del suo arrivo. A fine marzo Forza Italia raggiunse la maggioranza, aprendo i 17 anni più lunghi della repubblica.
Oggi, 12 novembre 2011, Berlusconi lascia Palazzo Chigi, molto probabilmente per sempre. Le immagini del circo Massimo di quell’autunno del 1994 dovranno rimanere chiare a tutti noi, a partire da domani. Allora l’opposizione si basava sulla difesa dei diritti dei lavoratori e dei pensionati: da questo dovrà ripartire Mario Monti, per uscire definitivamente dall’inverno della Repubblica.

Blog su WordPress.com.